lunedì 20 novembre 2017

SEGNALAZIONE: Metamorphosis








TITOLO: Metamorphosis

AUTORE: Dyvina Sollena

GENERE: Paranormal/Romance

EDITORE: Youcanprint

DATA DI PUBBLICAZIONE: Aprile 2017

PREZZO CARTACEO: € 14,90

PREZZO EBOOK: € 1,99










TRAMA

La diciassettenne Liz - una teenager come tante, un po’ trasgressiva nel look e lunatica come accade alla sua età - ha sempre creduto nell’esistenza di creature sovrannaturali, incroci e mutazioni, guadagnandosi la fama di ragazza credulona e un po’ svitata. E se invece avesse ragione lei? Se alcune persone non fossero quello che sembrano e nascondessero un segreto? Se lei stessa scoprisse di avere dei poteri, e di essere predestinata a un destino da compiere? Liz non lo sa ancora, ma la sua normale vita da adolescente sta per cambiare per sempre…






BIO AUTORE

Dyvina Sollena è lo pseudonimo dell'autrice Sandy Vianello. Nata nel 1986 vive a Venezia assieme al compagno e ai suoi tre gatti pestiferi. A nove anni scoprì la bellezza della scrittura e iniziò a scrivere e inventare storie fantastiche che teneva raccolte in uno sciupato quaderno a quadretti. Nel corso degli anni ha coltivato la passione per la scrittura migliorando e perfezionando il suo stile. La Trilogia Metamorphosis è nata per gioco. Fu un esperimento nel quale cimentarsi traendo ispirazione dai propri interessi e dalle cose che più l’appassionano come la mitologia e il folclore.



domenica 19 novembre 2017

SEGNALAZIONE: Tutto uguale a prima

“Tutto uguale a prima”

Presentata in anteprima nazionale la nuova raccolta di poesie di Federico Li Calzi. Nostalgia, rimpianto, infanzia i temi che si alternano scanditi dal ritmo e dalla forte musicalità dei versi.
In programma nuove presentazioni nelle città siciliane
e oltre lo Stretto.

“Tutto uguale a prima” segna l’atteso ritorno negli ambienti letterari del poeta e scrittore siciliano Federico Li Calzi. Un nuovo titolo che sorprende per provocazione e originalità dopo il romanzo d’esordio Nove Periodico (2014) e le due pregevoli opere di poesia. L’animo sensibile dello scrittore torna a imporsi con una raccolta che suscita approvazione: pubblico, critici, giornalisti, circoli culturali, autorità partecipano a questo nuovo momento di crescita culturale.
Musicalità è la parola chiave della terza opera poetica presentata per la prima volta al Caffè “Tra le Righe”, ambiente letterario tra i più attivi a livello regionale. "Tutto uguale a prima" è il titolo che il poeta ha voluto per sottolineare, come fosse una provocazione, la riconferma degli argomenti già cari, sviscerati all’interno delle precedenti sillogi Poetica Coazione (2009) e Dittologie Congelate (2012). La nostalgia, il rimpianto, l'infanzia, la notte, l'estate sono argomenti che le poesie di questa terza opera custodiscono mentre lo stile, la forma e la musicalità del verso evolvono dolcemente.
Nell’incontro con il pubblico e la stampa, Domenico Lodico ripercorrendo a ritroso le tappe letterarie più importanti, domanda all’autore come nasce una poesia e la risposta è presto data: “Un verso nasce quando meno te lo aspetti, in qualsiasi momento e luogo. Alla fine diventa poesia ciò che sottopongo ad un accurato processo di filtraggio e rielaborazione”.
L’altra riflessione è di Lorella Farrauto presidente dell’associazione culturale “Cristalli di sale” sullo stile dell’autore siciliano, accennando al suo talento di aver dato vita ad un vero e proprio linguaggio da capire e interpretare. Proprio questo elemento dà valore aggiunto alla poesia.
La musicalità è il tratto che  Luciano Carruba sottolinea nel suo commento a “Tutto uguale a prima”: è uno dei termini più importanti che è possibile individuare nelle sue poesie, determinando la comprensione del concetto di meraviglia. Come sosteneva Parmenide: Fr.51 “Non comprendono come, pur discordando in se stesso, è concorde: armonia contrastante, come quella dell’arco e della lira. La poesia di Li Calzi giunge al lettore arricchita di musicalità, che secondo Platone è filosofia suprema in quanto esprime ciò che le sole parole non possono fare.
Tutto Uguale a prima è:
·        uno scrigno di 59 liriche dedicate a persistenti presenze e assenze rievocate, stavolta, per la definitiva cristallizzazione in un consapevole, indispensabile archiviare del disincanto, un’originale ed accattivante progettazione editoriale;
·        la conferma di due docenti universitari con vasta esperienza nella saggistica letteraria Nuccio Mula ed Enrico Testa;
·        l’inserimento del giovane studioso Davide Rocco Colacrai nell’appendice critica;
·        Un fitto calendario di date per una presentazione destinata a varcare lo stretto di Sicilia.
Copie acquistabili qui


Federico Li Calzi è nato ad Agrigento nel 1981 e ha studiato all’Università di Palermo. Svolge la sua attività di imprenditore in Sicilia. Con “Edizioni Cerrito” ha pubblicato le due opere di Poesia “Poetica Coazione”(2009), e “Dittologie Congelate”(2012) e il romanzo d’esordio “Nove Periodico” (2014).
Tutti gli aggiornamenti su www.federicolicalzi.it

SEGNALAZIONE: Io credo in te



NON PERDETEVI IL BOOKTRAILER, CLICCATE QUI



Trama

Catherine sta per iniziare l'ultimo anno di college insieme alla sua migliore amica, Isabelle. Proprio il primo giorno, durante la lezione di arte, si accorge di uno studente mai notato prima, Kaleb, un ragazzo bellissimo. Tra i due è subito feeling e con il passare dei giorni i loro sentimenti iniziano a crescere. Ma come spesso accade, l'imprevisto è dietro l'angolo! Sul loro cammino incontreranno diversi ostacoli, che li metteranno a dura prova! I loro sentimenti saranno abbastanza forti da resistere agli urti della vita? Riusciranno a vivere in completa serenità il forte legame che da subito li ha avvicinati?


Biografia
Mi chiamo Emanuela Guzzetta, ho diciotto anni e vivo in un piccolo paesino della provincia di Vicenza. Ho iniziato a scrivere a dodici anni, ricordo come se fosse ieri la mia prima storia. Avevo scritto una FanFiction sul mio cantante preferito, includendo tutte le mie emozioni di allora. Ancora adesso me la ricordo a memoria, è stata l'inizio della mia passione.


sabato 18 novembre 2017

SEGNALAZIONE: Giusto il tempo di un...per sempre


"Giusto il tempo di un… per sempre"
(cronache letterarie e racconti di-versi)

Racconta di persone: uomini e donne. 

POTETE ACQUISTARE L'e-book:Qui
POTETE ACQUISTARE IL cartaceo: QUI


Non c’è un filo conduttore tra le storie che vengono raccontate, o forse sì. Un intreccio di vite molto diverse ma non meno complicate, un intreccio di dignità e coraggio. Tra la malattia e la voglia di sopravvivere o semplicemente di lasciarsi andare.
L’autrice ha deciso di raccontare nomi, occhi, anime e silenzi. Ha voluto dare voce a chi non ne ha avuta. A chi però ne voleva. A chi aveva il diritto di parlare. Ha provato a dare speranza a bocche che pur perdendola, alle volte, hanno stretto i denti nel dolore. Ha sperato che in qualche modo, non
si smettesse di ascoltare.



Chi è Daniela?


Daniela Sasso, 31 anni e madre di due bambini,
è nata in provincia di Brindisi, dove
attualmente risiede.

venerdì 17 novembre 2017

RECENSIONE: Violante il mare






TITOLO: Violante il mare

AUTORE: Francesco Borgia

EDITORE: Andrea Pecilli Editore

PUBBLICATO: 2017

PAGINE: 69

PREZZO: € 10,00





DESCRIZIONE

I silenzi, i colori, i profumi, la passione; il ritmo dell'onda. Violante, nome di principessa, creatura amata, veste d'azzurro sognante e guida la mano del poeta nel comporre il canto antico, quello dell'amore.



RECENSIONE

Buonasera lettori,
oggi vi parlo di un libricino di poesie di un autore che abbiamo già conosciuto. Francesco Borgia infatti mi aveva già concesso l’onore di parlare di un suo libro, quello precedente  Ridente lucciola.
Un libro che ho letto con estrema disinvoltura, lasciandomi travolgere e trasportare in quei momenti vuoti tra studio, lavoro e altri impegni. Un libro che va assaporato poco a poco, senza fretta, anche perché finirebbe troppo presto!
Il libro racchiude ben 46 liriche, brevi ma realmente intense. Il filo conduttore che lega le varie liriche, esattamente come in “Ridente lucciola” è formato dai numeri romani che caratterizzano le poesie e dalla mancanza dei titoli. I sonetti cantano l’amore, quello vero, passionale, e nel corso della lettura se ne assaporano tutti i profumi e le sensazioni.
Questa volta stabilire quale tra le tante è stata la mia preferita, è stata una vera e propria ardua impresa. Infatti no, non ho una sola poesia preferita, questa volta ne sono più di cinque ad avermi coinvolta particolarmente, ma io voglio lasciarvi con questa…

XVII

“Sei come 
il rosso
d’una rosa
colore
amante
il perdersi
lunare
fresco
approdo
al cuore
l’intima
sfumatura 
del sogno”

Vi consiglio la lettura di questo libro per due motivi, il primo è per riflettere, il secondo è per scaldarsi il cuore.
Ancora grazie a quest’autore che mi ha donato la possibilità di leggere ben entrambi i suoi libri.
Baci

C.

SEGNALAZIONE: L'uomo nello specchio



Sinossi

Un uomo viene arrestato nel cuore della notte, ammanettato e condotto in carcere secondo le procedure riservate ai criminali più pericolosi, come lo è Carlos Santiago. L'uomo arrestato, però, non ricorda nulla del suo passato, si professa innocente e non si riconosce nel volto riflesso nello specchio. Dopo alcuni giorni passati in carcere, comincia a riacquistare la memoria: egli è Robert Braun, un tranquillo professore di storia e filosofia che non si riconosce più nel suo volto. Aiutato da una giovane ed affascinante avvocato d'ufficio e da una sua vecchia allieva, riuscirà Robert Braun a dimostrare la sua innocenza e a riottenere la sua identità?
L'uomo nello specchio è un thriller psicologico che, nella velocità della narrazione e nella descrizione dei personaggi trova i maggiori punti di forza arrivando al lettore con immediatezza e coinvolgendolo nella storia.


Biografia


Milanese appassionato da sempre alla lettura, all'età di 16 anni compone il suo primo romanzo "Nel mirino" successivamente continuerà a leggere e a concepire idee. Negli anni successivi si dedicherà al lavoro e alla sua famiglia che ama, ma la sua passione incurabile, ossia lo scrivere, non lo ha mai abbandonato. Scrive "Lost in the darknes" "Hunted", e "L'uomo nello specchio" che ha auto pubblicato a gennaio 2016 in versione cartacea. Ha da poco terminato la stesura del sequel "Bloodline" uscito sulla piattaforma di Amazon da poche settimane.

giovedì 16 novembre 2017

COMUNICATO

Butterfly Edizioni



"A gennaio la nostra attività compie 7 anni, in questo tempo siamo cresciuti molto, in termini di visibilità, autori e soprattutto vendite, affiancandoci spesso ai numeri dei big dell'editoria. Ma la Butterfly Edizioni rimane comunque una delle poche case editrici che non pubblica erotici, pertanto - visto anche l'assillante interesse da parte di tante autrici - abbiamo deciso di aprire un nuovo marchio editoriale per lanciarci in questo genere. Nasce così - ufficialmente a gennaio 2018 - la Hot Edizioni, diretta da due nostre autrici bestseller: Angela Castiello e Rujada Atzori, con la supervisione di Argeta Brozi, fondatrice di entrambi i marchi.
La Hot Edizioni si prefigge di pubblicare romanzi erotici, dark romance ed erotic suspense. Siamo quindi in cerca di nuovi autori da lanciare, l'email a cui inviare i manoscritti è: hotedizioni@gmail.com.
I romanzi non dovranno superare le 650 mila battute e i tempi di lettura sono di circa 2 mesi.
Cerchiamo romanzi di qualità, emozionanti e sensuali. 
Due autrici hanno già firmato il contratto con noi e verranno lanciate tra il mese di gennaio e febbraio, sia in ebook che in cartaceo.
Sei hai scritto un libro, mandacelo! Il prossimo autore potresti essere proprio tu!
Tutti possono diventare degli scrittori, noi ci impegneremo per farli diventare scrittori di successo."


SEGNALAZIONE: In cerca di un posto nel mondo




Titolo: IN CERCA DI UN POSTO NEL MONDO

Autore: Serenissimo Celestino 

Genere: Narrativa di viaggio (Testo auto-pubblicato - in vendita su Amazon)

lunghezza: 407 pagine (cartaceo) – 410 pagine (ebook)

ISBN: 978-1520511962 

ASIN: B01NN28S63A

Prezzo del cartaceo 12,99€ 

Prezzo della versione ebook: 5,99


Link per l’acquisto:


Pagina Facebook:


Link del book trailer:



Sinossi

Questo libro è nato viaggiando. Le sue pagine sono state scritte in pullman, in aereo, sulle navi, negli aeroporti, su quelle panchine sgangherate che ti regalano qualche minuto di ristoro, nelle sale di attesa affollate, in quel limbo apparentemente infinito che intercorre tra una destinazione raggiunta e l'arrivo del prossimo treno, nelle stazioni di province sperdute della Thailandia, del Messico, degli Stati Uniti, dell’Inghilterra e del Perù, ma soprattutto, in un luogo vicinissimo eppur così lontano che si cela dentro noi stessi. La mia storia narra di un grande processo di trasformazione, un percorso di crescita personale che è cominciato qualche anno fa e che in qualche modo si protrae ancora oggi. Tutto ebbe inizio durante l’estate del 2010. Frequentavo l’università in quel periodo e ricordo che terminai gli esami ed il tirocinio con alcuni mesi di anticipo. D’improvviso mi ritrovai con un sacco di tempo libero a disposizione e non sapevo neppure come utilizzarlo. Nonostante i numerosi tentavi messi in atto per migliorare la mia vita, sentivo che il mio spirito era prigioniero di una gabbia senza sbarre apparenti. Fu allora che mi feci forza e che decisi di fare un patto con quel ragazzo triste riflesso nello specchio; mi sarei battuto per la sua felicità… la mia. Durante quell’estate magica stilai una lista mentale dei miei desideri e poi mi obbligai a realizzarli, uno dopo l’altro. All’inizio non fu facile, ma dopo aver mosso i primi passi si mise in moto un processo inarrestabile ed in continua accelerazione. Nel mese di luglio andai in Francia per fare visita alla mia cara amica Dory ed incredibilmente, a distanza di qualche settimana mi ritrovai a camminare fra le paradisiache spiagge della Thailandia. Immagina per un attimo di ritrovarti da solo all’altro capo del globo…. oltre a dover fare i conti con una realtà totalmente differente dalla tua, per la prima volta sarai costretto a reinventare te stesso, perché tutto ciò che eri e che pensavi di te, incluso il tuo status, la tua condizione, il tuo lavoro, la famiglia e gli amici, improvvisamente non esiste più. Era come se mi fossi dato un poderoso calcio nel culo, che come per magia, mi aveva catapultato a 10000 km di distanza dal mio mondo. Per la prima volta vidi me stesso da una prospettiva totalmente nuova. La Thailandia mi travolse in tutti i sensi; lì ebbi l’occasione di vivere esperienze davvero intense e di risvegliare l’altra parta di me, quella che per anni era rimasta sopita e nascosta dalla paura. Quel viaggio mi condusse in luoghi lontani, situati dentro e fuori di me; fu liberazione pura, mentale, fisica e sessuale, fu una rinascita che mi permise di aprire le ali e di iniziare a volare. Quando tornai a Roma la mia vita non fu più la stessa. Viaggiare è uno “stato della mente”; una volta che hai preso il via non ti fermi più e continui a farlo anche stando fermo. Nei mesi e negli anni successivi ho avuto la fortuna di vivere avventure incredibili che mi hanno condotto in giro per il mondo… Italia, Francia, Thailandia, Perù, Stati Uniti, Messico, Inghilterra, Belgio, Spagna, Portogallo e Scozia. Questo continuo peregrinare mi ha permesso di sperimentare situazioni estreme, di entrare in connessione con luoghi e persone, di nuotare negli oceani, di salire sulla cima delle montagne, di camminare fra le dune del deserto, di perdermi nella fitta vegetazione della selva amazzonica, di inebriarmi di sapori ed odori sconosciuti, di imparare altre lingue, di innamorarmi e di godere dei piaceri della carne con creature meravigliose, di condividere la gioia e la sofferenza con altri esseri umani, di assistere alla malattia ed alla morte di persone care, di rimettermi in discussione, di arricchire immensamente la mia vita, di sovvertire l’ordine di importanza che attribuiamo alle cose e di rialzarmi in piedi dopo ogni sconfitta per riprendere il cammino. Quando hai la fortuna che è toccata a me, ti senti in dovere di condividere ciò che hai imparato per metterlo a disposizione degli altri, per infondere speranza a chi non ne ha, per costruire quella “casa comune”, tollerante ed accogliente, da lasciare in eredità ai figli o a quelli che verranno dopo di noi, per alimentare il fuoco sacro che dimora nella coscienza di ognuno, lo stesso che spinge gli uomini liberi a credere nei sogni... Il mio è stato un semplice gesto d’amore.



Conosciamo l'autore


Serenissimo Celestino è nato a Roma nel 1982, in una famiglia piuttosto umile. Sin dalla tenera età è sempre stato un ragazzino introverso e dotato di una sensibilità non indifferente. Terminata la scuola superiore si è subito cimentato nel mondo del lavoro; dentro di sé avvertiva un forte bisogno d’indipendenza e l’irrefrenabile desiderio di seguire una strada che fosse soltanto sua, però, dopo alcuni anni di sterili sacrifici e numerosi lavori svolti, decise di riprendere gli studi. Fu proprio durante il periodo universitario che scoprì l’amore per i viaggi; quella per lui fu come una droga o meglio, una vera e propria medicina dell’anima, un trampolino per andare incontro alla vita. Una volta conseguita la laurea in infermieristica decise di prendersi un periodo sabbatico da dedicare ai viaggi, all’apprendimento ed al volontariato. Quell’esperienza lo condusse lungo un percorso avvincente ambientato fra gli Stati Uniti ed il Perù. Per un paio di mesi si unì ad una ONG canadese per lavorare come volontario all’interno di un piccolo ospedale sperduto nella selva amazzonica peruviana.

Quando fece ritorno a Roma la sua vita non fu più la stessa. In fondo, come avrebbe potuto esserlo?

In Italia tirava una brutta aria; la crisi economica si faceva sentire ed il governo stava tagliando i fondi destinati alla sanità. Nonostante ciò, Serenissimo si rimboccò le maniche e nel giro di poco tempo riuscì a trovare lavoro tramite una cooperativa e ad essere ammesso al corso della laurea magistrale. Poi, alla fine del 2014, non contento di quello che il suo paese aveva da offrirgli, scelse di emigrare in Inghilterra, dove il lavoro per gli infermieri non è mai mancato.

Le vicissitudini personali e familiari hanno trasformato la sua vita in una sorta di percorso ad ostacoli e sin dalla tenera età, l’amore per la scrittura ha rappresentato una via di fuga.

Iniziò a scrivere un po’ per gioco, verso la fine della scuola elementare, ma per lungo tempo la sua passione rimase relegata ad un ambito intimo condiviso con pochi amici. La stesura di poesie, racconti e canzoni, è proseguita durante l’intera adolescenza, accompagnandolo fino all’età adulta.

Il vero debutto però è avvenuto nel febbraio del 2017 ed è rappresentato dalla pubblicazione del libro “IN CERCA DI UN POSTO NEL MONDO”, attraverso il quale ha voluto condividere il bagaglio appreso in questi ultimi ed intensi anni della sua vita.



Breve estratto

(dal capitolo – UNA VALIGIA PIENA DI SOGNI)

Inizialmente, una densa nebbia offuscava l’intero paesaggio impedendo la visuale oltre i cinque metri di distanza, ma dopo un po’ il cielo rischiarì e fu possibile godere di quella meravigliosa opera della natura. Non avrei mai immaginato di trovarlo ricoperto dalla neve. Ogni cosa lo era; l’erba, gli alberi, le pietre e la maggior parte della superficie orizzontale del canyon. Già alla prima occhiata, era possibile distinguere i differenti colori dei sedimenti che si erano depositati e compattati nel corso dei millenni, lentamente, granello dopo granello, detrito dopo detrito, strato su strato. Camminammo lungo il bordo del canyon osservando il panorama da varie angolazioni ed ognuna ci forniva una differente prospettiva dell’area. Al secondo giorno le nubi sparirono definitivamente regalandoci una visuale perfetta. Era immenso. I miei occhi non bastavano per abbracciarlo tutto con un solo sguardo. Nel creare un’opera del genere madre natura aveva superato sé stessa. In quella stagione e con tali condizioni ambientali era estremamente pericoloso avventurarsi all’interno del Canyon; il ghiaccio e la neve erano dappertutto e ad ogni passo c’era il rischio di precipitare sul fondo. Due persone persero la vita proprio in quei giorni cadendo in un dirupo a causa dell’instabilità del terreno. L’imponenza di quei luoghi riportò alla mia mente immagini di un altro tempo… Quando ero piccolo, mio padre andava a prendere l’acqua minerale in una sorgente nascosta fra le colline, nei pressi di Castelnuovo di Porto. Io e mio fratello andavamo sempre con lui e dopo averlo aiutato a riempire le damigiane, salivamo in cima ad un alto costone di roccia e poi restavamo lì a guardare il panorama. Da lassù, tutto appariva differente, nettamente più piccolo. Osservando i campi, i pascoli, le greggi di pecore e mio padre che dal basso ci faceva cenno di scendere, mi sentivo un gigante o addirittura una divinità che ammirava la bellezza del creato dalla sommità dell’Olimpo. La relazione fra gli elementi e lo spazio assumeva un aspetto desueto e tingeva la realtà di nuovi colori. Come ogni ragazzino, anche io ero capace di vivere il presente senza preoccuparmi del futuro; allora ero puro e non vi erano demoni ad infestare i miei sogni. Quelli erano i tempi in cui mia madre mi faceva fare le capriole tirandomi per le mani e mio fratello era il primo compagno di giochi. Saranno più di vent’anni che abbiamo smesso di essere fratelli. Nei miei confronti nutriva una gelosia patologica. Il giorno in cui nacqui, quando mi vide fra le braccia di nostra madre, stette così male che vomitò per tre volte consecutive. Chissà com’era la sua vita e quella dei miei genitori prima che io venissi al mondo. Magari erano felici. A quel tempo non ero ancora nato, eppure, in qualche modo esistevo già, ma in un'altra forma, poiché gli atomi che di lì a poco avrebbero composto il mio corpo vennero forgiati durante l’alba dei tempi. Prima di nascere, ero l’erba del campo che doveva ancora essere raccolta, ero lo sterco di vacca che concimava il terreno, ero la capra che brucava le sterpaglie, ero i denti della capra che masticavano, ero il latte che gli sgorgava dalle mammelle per nutrire i suoi cuccioli, ero il lupo che mangiava l’agnello, ero la carcassa di una preda infestata dai vermi che decomponendosi tornava alla terra, ero il verme divorato dal corvo, ero il guano del piccione che precipitava al suolo, ero l’urina del lupo e del cane che marcava il territorio, ero il terriccio imbevuto di escrementi, ero il sudore di un contadino che raccoglieva le olive, ero una particella infinitesimale che danzava nell’aria trasportata dal vento, ero un batterio che moltiplicandosi formava una colonia, ero un virus che oltraggiava le cellule dell’organismo ospite, ero una goccia d’acqua, ero la pioggia che cadeva dal cielo, ero l’ossigeno che inebriava i polmoni di mio padre, ero lo sguardo di mia madre che si spalancava verso il mondo, ero la vita prima della vita.

mercoledì 15 novembre 2017

SEGNALAZIONE: NEW YORK 2140

“È quasi impossibile catturare la vibrazione di un’intera città in un solo romanzo, ma Kim Stanley Robinson riesce a fare questo e molto di più.”
 Newsweek 

Il livello delle acque del mare si è alzato, sommergendo improvvisamente l’intera città di New York. Ogni strada si è trasformata in un canale, ogni grattacielo in un’isola a sé stante. Ma per i residenti di un edificio di Madison Square, la New York del 2140 è ben lontana dall’essere una metropoli isolata e perduta, e tutto sembra procedere esattamente come prima del disastro climatico. Il commerciante riesce a trovare occasioni dove tutti gli altri vedono solo problemi; per il detective il lavoro sembra non mancare mai; la star di internet continua ad ammaliare milioni di persone con le sue avventure su un dirigibile; e, infine, l’amministratrice di un grattacielo continua a essere rispettata per la sua frenesia di controllo e la cura maniacale dei dettagli. Ma la minaccia adesso sta giungendo dall’alto, dai programmatori, residenti temporanei sui tetti, la cui scomparsa darà avvio a una catena di eventi che influenzeranno per sempre l’esistenza dei newyorkesi e metteranno in pericolo le fondamenta della città stessa. 

Una visione distopica e audace di una New York postapocalittica che affronta le devastanti conseguenze del riscaldamento globale. Un’umanità che ha perso tanto, ma non la speranza.
da giovedì 16 novembre in eBook, €4.99
da giovedì 30 novembre in libreria, €25

SEGNALAZIONE: Incatenata a te


POTETE ACQUISTARLO CLICCANDO QUI

PUBBLICATO: 13 gennaio 2017

PAGINE: 442



Trama

Jason Lewis è un uomo di trentaquattro anni, ex marines e detective della Omicidi di New York. E’ un uomo abituato alla disciplina e al rigore, schietto e determinato; non è uno che si arrende davanti alle difficoltà. Cresciuto in una famiglia facoltosa e nonostante i suoi genitori sognassero per lui una carriera di prestigio come avvocato, lui ha preferito la carriera militare piuttosto che seguire le orme del padre. Non ama gli eccessi e il troppo lusso, nonostante non gli manchino i mezzi per vivere nell’agio preferisce condurre una vita semplice e senza troppi sfarzi. A causa di una delusione amorosa ha smesso di credere nell’amore, ma il destino decide diversamente e una sera di maggio la sua attenzione viene calamitata da una ragazza bionda bellissima in una discoteca. Elisabeth Reynolds è una ragazza di ventiquattro anni, lavora come infermiera al Lennox Hill Hospital; dopo la morte di sua madre ha scelto di rinunciare al suo sogno di diventare una pianista affermata. La storia disastrosa da cui sta uscendo, con un uomo egoista e meschino che l’ha usata solo per il suo piacere l’ha emotivamente distrutta; rendendola diffidente nei confronti degli uomini e al momento non è alla ricerca di una relazione. Per via del suo lavoro come poliziotto, Jason incontrerà Elisabeth e resterà piacevolmente sorpreso nel scoprire che si tratta della stessa ragazza che lo ha attirato quella sera in discoteca. Jason sa quello che vuole, fa di tutto pur di ottenerlo e i ripetuti rifiuti di Liz non faranno altro che alimentare il suo desiderio e la sua determinazione a far si che lei diventi sua. L'incontro con il detective Jason Lewis cambierà la vita di Liz, facendole scoprire cosa vuol dire essere apprezzata e desiderata totalmente. Un arrivo inaspettato metterà a dura prova il loro rapporto e cercherà di separarli a ogni costo. Riuscirà Jason ad incatenare l’anima di Liz alla sua e a fare in modo che lo ami per ciò che è con i suoi pregi e i suoi difetti?


Chi è Michela?

Michela Ray è nata a Genova il 3 settembre 1981 in una famiglia modesta.
Dopo aver frequentato le scuole dell’obbligo, ha conseguito il diploma presso un Istituto tecnico femminile.
Dopo il diploma di maturità ha frequentato per due anni la facoltà di Scienze infermieristiche, che però ha dovuto abbandonare per problemi familiari.
Da undici anni è felicemente fidanzata con un uomo meraviglioso, anche lui di romanzi di genere investigativo fantascientifico e di articoli riguardanti i misteri nel mondo.
Negli ultimi anni ha scoperto la passione per la lettura e in particolar modo per i romance erotico – rosa che hanno suscitato in lei la voglia di provare a mettersi in gioco.
La voglia di evadere da una situazione familiare disastrosa e con l’aiuto delle opere di scrittrici importanti come E.L. James, Silvya Day, Jodi Ellen Malpas e molte altre scopre la passione per la scrittura e il desiderio di creare una sua storia.
Ed è proprio così che nasce il suo primo romanzo che ha il titolo di “Incatenata a te” e fa parte di una serie intitolata Anime incatenate che uscirà a breve sia in formato cartaceo che in digitale.
La sua aspirazione è continuare a scrivere creando altre storie e nuovi personaggi, nella speranza di regalare sempre emozioni nuove a coloro che desidereranno leggere le sue opere.